Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Buone notizie dalla Corea del Nord

Maazel Per una volta è la musica, e non l’atomica, a far parlare di Pyongyang. Oggi la capitale nordcoreana ha ospitato la Filarmonica di New York diretta da Lorin Maazel. Dal test con cui il regime di Kim Jong Il ha sperimentato la sua bomba è passato un anno e mezzo. Mesi di tensioni e timori, che hanno visto ancora oggi il segretario di stato americano, Condoleeza Rice, a Pechino a negoziare l’applicazione degli accordi di disarmo sul nucleare nordocoreano. Ha fatto perciò un certo effetto sentire risuonare nel Grand Teatro dell’Est la diplomazia della musica: la "Sinfonia del Nuovo Mondo" di Anton Dvorak, "Un americano a Parigi" di Gershwin e soprattutto l’inno degli Stati Uniti, con tanto di bandiera a stelle e strisce e nomenklatura comunista in piedi in sala a rendere omaggio. Il leader Kim Jong Il non era a teatro. Forse gli toccherà al prossimo concerto, per il quale pare abbia invitato di persona, il rocker inglese Eric Clapton. Intanto il mondo si goda queste note davvero storiche.

Chiamapechino. Ascolta l‘inno_della Corea del Nord  e l’inno_degli Stati_Uniti eseguiti a Pyongyang dalla Filarmonica di New York